Sicurezza Lavoratori – Parte Specifica – Rischio Caduta dall’Alto

Riferimenti Legislativi: D.Lgs. n. 81/08, art. 18, comma 1, lettera l) e art. 37 – Accordo Stato-Regioni 21/12/2011 n. 221

Corso – Frequenza relativo alla Sicurezza dei Lavoratori

Dettagli corso

Tipologia: Frequenza
Erogazione: Aula
Codice corso: RCA-H10
Destinato a: Lavoratori

Specifiche del corso

Il corso per lavori in quota consente di acquisire le capacità necessarie per lavorare in quota ad un’altezza superiore ai due metri e all’utilizzo dei Dispositivi di Protezione Individuale utilizzati per garantire la sicurezza degli operatori. Al termine del corso gli operatori avranno acquisito le conoscenze per muoversi in sicurezza durante i lavori in quota, utilizzando o montando gli ancoraggi idonei e tutte le precauzioni necessarie ad evitare cadute, saranno inoltre in grado di verificare l’efficacia dei DPI e dei sistemi anti caduta.


Destinatari

Il corso si rivolge a lavoratori dipendenti e autonomi ad operare e/o supervisionare lavori in quota oltre due metri.


Obiettivi

Il corso ha l’obiettivo di far acquisire la Frequenza di “Addetto ai Lavori che operano in quota” sia le conoscenze teoriche che l’addestramento pratico per sapersi comportare in queste situazioni.
Il corso assolve agli obblighi previsti dal D.Lgs. 81/08, inerenti alla specifica informazione e formazione sui fattori di rischio relativi ai lavori in ambienti in quota. L’obbligo è per tutto il personale, compreso il datore di lavoro, che debba svolgere/supervisionare attività lavorativa in tali ambienti. Lo scopo del corso è trasmettere le conoscenze tecniche adatte a gestire le attività lavorative sia in condizioni di normale esercizio che situazioni di emergenza in tali situazioni ambienti.


Argomenti

Modulo 1 (4 ore)

  • Cenni sulla normativa di riferimento vigente
  • La caduta dall’alto come rischio grave e imprevedibile;
  • Valutazione dei rischi nel lavoro (rischio prevalente-ambientale-concorrente);
  • Cenni sull’arresto in sicurezza della caduta dall’alto;
  • Il fattore di caduta e il tirante d’aria;
  • Le tipologie di DPI anticaduta;
  • Individuazione dei sistemi anticaduta più corretti ed adeguati ai rischi connessi al tipo di lavoro da svolgere;
  • Modalità per il corretto uso degli anticaduta in relazione alle problematiche operative;
  • Categorie dei DPI
  • Regolamento (UE) 2016/425 Dispositivi di Protezione Individuale
  • imbracature per il corpo (EN 361 – EN 813), Cintura di posizionamento (EN 358), Sistemi di arresto (EN 363), Connettori (EN 362), Cordini (EN 354), Ancoraggi (EN 795), Discensori (EN 341)
  • Criteri per l’individuazione e l’uso dei DPI
  • Requisiti generali dei sistemi di arresto-caduta; ispezione, deposito, trasporto, e manutenzione Verifiche e la manutenzione degli stessi
  • Cenni sul soccorso dell’operatore in quota
  • Utilizzo di mezzi di salita in quota: scale di tipo fisso, trabattelli, ponteggi, piattaforme, ecc
  • Addestramento pratico all’uso delle imbracature.

Test di apprendimento finale.

Importante che per svolgere la Prova pratica è necessario dotarsi dei seguenti DPI:

  • Casco protettivo
  • Scarpe antinfortunistiche
  • Guanti protettivi
  • Imbracatura di sicurezza

 Crediti Formativi

Il Modulo Parte Specifica Rischio Caduta dall’Alto deve essere erogato in aula, ma non costituisce un credito formativo ma solo un valore addizionale alla formazione del lavoratore qualora esposto a tali rischi.


Attestato

Per ogni partecipante sarà rilasciato un Attestato di Frequenza riconosciuto; frequenza e superamento del test finale come stabilito dall’artt. 36 e 37 del D.Lgs. n. 81/08, e dell’Accordo Stato-Regioni 21/12/2011 n. 221, e come previsto dal decreto dell’Assessorato della Regione Siciliana della salute n. 1619 del 08/08/2012 valido come aggiornamento o per cambio/aggiunta di mansione.


Sanzioni

I Datori di Lavoro e i dirigenti sono responsabili per la mancata informazione/formazione dei lavoratori addetti e, in caso di inadempienza, sono sanzionabili secondo le seguenti casistiche specifiche e misure a norma di legge:

  • Attrezzature di Lavoro e DPI: arresto da 2 a 4 mesi o ammenda da € 1.200,00 a € 5.200,00 (D.Lgs. 81/08, art. 55 comma 5 lettera c) o da 2 a 4 mesi o ammenda da € 1.000,00 a € 4.800,00 con specifico riferimento a DPI (art. 87 comma 4 lett. C)
  • lavori in quota: arresto da 2 a mesi o ammenda da € 1.200,00 a € 5.200,00 per inadempienza norme generali (D.Lgs. 81/08, art. 55 comma 5 lettera c); arresto fino 2 mesi o ammenda da € 500,00 a € 2.000,00 per inadempienza norme specifiche (D.Lgs. 81/08, art. 159 comma 2 lett. C).

Anche in questo caso per mancata formazione ci sarebbe l’arresto da 2 a 4 mesi oppure l’ammenda da 1200€ a 5200€. Inoltre come sancito dal decreto fiscale (D.L. 21/10/2021 n° 146 la mancata formazione rappresenta uno dei motivi di sospensione delle attività.

Riferimenti Legislativi: D.Lgs. n. 81/08, art. 18, comma 1, lettera l) e art. 37 – Accordo Stato-Regioni 21/12/2011 n. 221

Durata 4 ore

Erogazione Aula

Validità 5 Anni

90,00  + iva

Richiedi informazioni
Parla con un consulente QSM per ricevere le informazioni che desideri sul corso di formazione.