Responsabile e Addetto al Servizio di Prevenzione e Protezione: Modulo A

Riferimenti Legislativi: D.Lgs. n. 81/08, art. 32, comma 2 – Accordo Stato-Regioni 07/07/2016 n. 128

Corso Frequenza per Responsabile e Addetto al Servizio di Prevenzione e Protezione: Modulo A

Il costo del corso in Aula può essere diverso

Dettagli corso

Tipologia: Frequenza
Erogazione: Aula/E-Learning
Codice corso: RSPP_ASPP_mod.A-A1
Destinato a: Responsabile Servizio Prev. e Protezione (RSPP/ASPP)

Specifiche del corso

Secondo l’art. 31 del D.Lgs. 81/2008, il Datore di Lavoro deve organizzare il Servizio di Prevenzione e Protezione all’interno della propria azienda nominando un responsabile RSPP (Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione), allo scopo di individuare, ridurre, segregare o eliminare i rischi presenti nell’ambiente di lavoro e monitorare le condizioni di salute e sicurezza.

Le principali funzioni attribuite al ruolo di RSPP sono:

  • Individuazione dei fattori di rischio.
  • Elaborazione delle misure preventive e protettive.
  • Elaborazione delle procedure di sicurezza.
  • Proposizione dei programmi di informazione.
  • Partecipazione alle consultazioni in materia di sicurezza.
  • Fornitura ai lavoratori delle necessarie informazioni.

Le capacità ed i requisiti necessari per lo svolgimento del ruolo di RSPP e ASPP, sono indicati nell’art. 32 del D. Lgs 81/2008, e sinteticamente riguardano il possesso di adeguate conoscenze in merito alla specifica natura dei rischi, in base al settore produttivo di cui si è responsabili. In sostanza coloro che desiderano ricoprire il ruolo di RSPP/ASPP devono avere una formazione adeguata, ottenuta attraverso specifici corsi di formazione, che rilascino regolare titolo abilitativo e che tali corsi siano aggiornati, ed in particolare per:

  1. ASPP devono aver svolto il Modulo A, B comune e B-SP1, B-SP2, B-SP3, B-SP4 a seconda del settore Merceologico.
  2. RSPP devono aver svolto il Modulo A, B comune e B-SP1, B-SP2, B-SP3, B-SP4 a seconda del settore Merceologico e il Modulo C.

Il corso è conforme alle esigenze di formazione provenienti dal D.Lgs. 195/2003, che ha introdotto un significativo cambiamento rispetto al D.lgs 81/2008, con l’art. 8-bis che richiede, per la prima volta, una “qualifica professionale” per le persone, interne o esterne ad un’organizzazione, come “Addetto e Responsabile dei Servizi di Prevenzione e Protezione dei Lavoratori (ASPP – RSPP)” ed all’Accordo Stato-Regioni del 26 gennaio 2006, per quel che riguarda sia i contenuti specifici, che le indicazioni metodologiche e le modalità di valutazione e certificazione e prevede una articolazione del corso in tre moduli (A, B e C).


Destinatari

Il corso è rivolto a tutti coloro che desiderano svolgere direttamente i compiti del Servizio Prevenzione e Protezione e protezione dai rischi di “prima nomina” ai sensi D.Lgs. n. 81/08, art. 32, comma 2 – Accordo Stato-Regioni 07/07/2016 n. 128. I partecipanti dovranno dimostrare d’aver frequentato, superando la prova di verifica finale, il Modulo A (modulo propedeutico e unico per RSPP/ASPP), il Modulo C, il Modulo B comune e l’eventuale modulo di specializzazione B-SP1, B-SP2, B-SP3, B-SP4.


Obiettivi

Il corso ha l’obiettivo di attestare le competenze del Modulo A, corso base di 28 ore, propedeutico per lo svolgimento dei successivi corsi RSPP moduli B e C. riservato a tutti coloro, Liberi Professionisti e Lavoratori, che intendono assumere l’incarico di ASPP o RSPP esterno ed interno all’organizzazione. La sua idoneità, una volta conseguita, resta valida per tutti i percorsi formativi successivi, costituendo credito formativo permanente.


Argomenti

Modulo 1 (4 ore)

  • L’approccio alla prevenzione attraverso il D.Lgs. 81/08
    • La filosofia del D.Lgs. 81/08 in riferimento alla organizzazione di un Sistema di Prevenzione aziendale, alle procedure di lavoro, al rapporto uomo-macchina e uomo ambiente/sostanze pericolose, alle misure generali di tutela della salute dei lavoratori e alla valutazione dei rischi.
  • Il sistema legislativo
    • La gerarchia delle fonti giuridiche
    • Le Direttive Europee
    • La Costituzione, Codice Civile e Codice Penale
    • L’evoluzione della normativa sulla sicurezza e igiene del lavoro
    • Statuto dei Lavoratori e normativa sulla assicurazione obbligatoria contro gli infortuni e malattie professionali
    • L’organizzazione della prevenzione in azienda, i rischi considerati e le misure preventive esaminati in modo associato alla normativa vigente collegata
    • La legislazione relativa a particolari categorie di lavoro: lavoro minorile, lavoratrici madri, lavoro notturno, lavori atipici, etc.
    • Le norme tecniche UNI, CEI e loro validità

test di verifica dell’apprendimento

Modulo 2 (4 ore)

  • I soggetti del sistema aziendale, obblighi, compiti, responsabilità
    • il Datore di lavoro, i Dirigenti e i Preposti
    • il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP), gli Addetti del SPP
    • il Medico Competente (MC)
    • il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) e il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza territoriale (RLST)
    • gli Addetti alla prevenzione incendi, evacuazione dei lavoratori e pronto soccorso
    • i Lavoratori
    • i Progettisti, i Fabbricanti, i Fornitori e gli Installatori
    • i Lavoratori autonomi
  • Il sistema pubblico della prevenzione
    • Vigilanza e controllo
    • Il sistema delle prescrizioni e delle sanzioni
    • Le omologazioni, le verifiche periodiche
    • Informazione, assistenza e consulenza
    • Organismi paritetici e Accordi di categoria

Test di verifica dell’apprendimento
Modulo 3 (4 ore)

  • Criteri e strumenti per l’individuazione dei rischi
    • Concetti di pericolo, rischio, danno, prevenzione
    • Principio di precauzione, attenzione al genere, clima delle relazioni aziendali, rischio di molestie e mobbing
    • Analisi degli infortuni: cause, modalità di accadimento, indicatori, analisi statistica e andamento nel tempo, registro infortuni
    • Le fonti statistiche: strumenti e materiale informativo disponibile
    • Informazione sui criteri, metodi e strumenti per la valutazione dei rischi (Linee guida regionali, linee guida CEE, modelli basati su check list, norma UNI EN 1050/98, ecc.)
  • Documento di Valutazione dei Rischi
    • Contenuti e specificità: metodologia della valutazione e criteri utilizzati
    • Individuazione e quantificazione dei rischi, misure di prevenzione adottate o da adottare
    • Priorità e tempistica degli interventi di miglioramento
    • Definizione di un sistema per il controllo della efficienza e della efficacia nel tempo delle misure attuate

test di verifica dell’apprendimento

Modulo 4 (4 ore)

  • La classificazione dei rischi
    • Rischio da ambienti di lavoro
    • Rischio elettrico
    • Rischio meccanico, Macchine, Attrezzature
    • Rischio movimentazione merci (apparecchi di sollevamento, mezzi di trasporto)
    • Rischio cadute dall’alto
    • Le verifiche periodiche obbligatorie di apparecchi e impianti
    • Rischio incendio ed esplosione
    • Il quadro legislativo antincendio e C.P.I.
    • Gestione delle emergenze elementari

test di verifica dell’apprendimento

Modulo 5 (4 ore)

  • La valutazione di alcuni rischi specifici (parte I)
    • Principali malattie professionali
    • Rischio cancerogeni e mutageni
    • Rischio chimico
    • Rischio biologico
    • Tenuta dei registri di esposizione dei lavoratori alle diverse tipologie di rischio che li richiedono

test di verifica dell’apprendimento

Modulo 6 (4 ore)

  • La valutazione di alcuni rischi specifici (parte II)
    • Rischio rumore
    • Rischio vibrazioni
    • Rischio videoterminali
    • Rischio movimentazione manuale dei carichi
    • Rischio da radiazioni ionizzanti e non ionizzanti
    • Rischio da campi elettromagnetici
    • Il microclima
    • L’illuminazione

test di verifica dell’apprendimento

Modulo 7 (4 ore)

  • Le ricadute applicative e organizzative della valutazione dei rischi
    • Il piano delle misure di prevenzione
    • Il piano e la gestione del pronto soccorso
    • La sorveglianza sanitaria: (definizione della necessità della sorveglianza sanitaria, specifiche tutele per le lavoratrici madri, minori, invalidi, visite mediche e giudizi di idoneità, ricorsi)
    • I Dispositivi di Protezione Individuale (DPI): criteri di scelta e di utilizzo
    • La gestione degli appalti
    • La informazione, la formazione e l’addestramento dei lavoratori (nuovi assunti, RSPP, RLS, RLST, addetti alle emergenze, aggiornamento periodico)

Test di verifica dell’apprendimento.

Simulazione finale di verifica dell’apprendimento.


Crediti formativi

Il corso consente di acquisire la Frequenza al Modulo A per RSPP prevista dalla legislazione vigente propedeutico per ricoprire il ruolo di RSPP in azienda che si ottiene successivamente con la frequenza ai moduli B e C. La Direzione Generale pe l’Università del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, dietro indicazioni fornite dal Consiglio Universitario Nazionale, ha espresso il proprio parere favorevole in merito alla corrispondenza tra i diplomi di laurea del vecchio ordinamento in Ingegneria ed in Architettura e le lauree di cui alle classi 4, 8, 9 e 10, di cui al dal D. M. 4/8/2000, indicate nel comma 5 dell’art. 32 del Dl Lgs. 9/4/2008 n. 81, ai fini dell’esonero dalla frequenza dei corsi di formazione di cui al comma 2, primo periodo, dello stesso art. 32 (Moduli A e B) prescritti per i responsabili e gli addetti ai servizi di prevenzione e protezione interni ed esterni.
Il riconoscimento dell’esperienza lavorativa già maturata dai RSPP, è sotto riportato che prevede le seguenti tipologie di esonero:

  • crediti professionali e formativi pregressi da esperienza lavorativa superiore ai tre anni, con incarico di RSPP alla data del 14 febbraio 2006 e designati prima del 14.02.2003 ed attivi al 13.08.2003. Non è richiesto nessun titolo di studio;
  • crediti professionali e formativi pregressi superiore di sei mesi ed inferiore ai tre anni, con incarico di RSPP alla data del 14 febbraio 2006 e designati prima del 14.02.2003 ed attivi al 13.08.2003. Non è richiesto nessun titolo di studio;
  • con incarico di RSPP alla data del 14 febbraio 2006 e designati dopo il 14.02.2003. Devono aver svolto una formazione inerente ai contenuti dell’art. 3 del D. M. 16.1.1997 (di norma un corso di 16 ore rivolto ai Datori di lavoro che intendono svolgere direttamente le funzioni di R.S.P.P.); È obbligatorio essere in possesso un Diploma di istruzione secondaria superiore;
  • RSPP di nuova nomina, designato entro il 14 febbraio 2006 con formazione inerente ai contenuti del D.M. 16.1.1997

Coloro che sono in possesso di una Laurea in una delle classi previste dal comma 5, art. 32, D. Lgs. n. 81/2008 sono esonerati dalla frequenza al modulo A.

Le classi di laurea riconosciute per l’esonero dalla frequenza al modulo A sono:

  • 4S Tecnici della Prevenzione degli Ambienti e Luoghi di Lavoro D.M. 02/04/01
  • L7   Ingegneria civile ed ambientale D.M. 16/03/07
  • L8   Ingegneria dell’informazione D.M. 16/03/07
  • L9   Ingegneria industriale D.M. 16/03/07
  • L17 Scienze dell’architettura D.M. 16/03/07
  • L23 Scienze e tecniche dell’edilizia D.M. 16/03/07
  • LM26 Ingegneria della sicurezza D.M. 16/03/07
  •  Scienze dell’architettura e dell’ingegneria edile.

Attestato

Per ogni partecipante sarà rilasciato un Attestato di Frequenza riconosciuto; frequenza e superamento del test finale come stabilito dall’art. 34, comma 2 del D.Lgs. n. 81/08, e dell’Accordo Stato-Regioni 21/12/2011 n. 223, e come previsto dal decreto dell’Assessorato della Regione Siciliana della salute n. 1619 del 08/08/2012.


Sanzioni

In caso di inadempienza, è previsto per Datori di Lavoro o dirigenti l’arresto da 3 a 6 mesi o l’ammenda da € 2.500,00 a € 6.400,00 (D.Lgs. 81/08 modificato, art. 55 comma 1 lett. b). La nomina di RSPP e ASPP privi dei requisiti di cui all’art. 32 del D.Lgs. 81/08 equivale a mancata designazione ed è quindi parimenti sanzionabile. Inoltre come sancito dal decreto fiscale (D.L. 21/10/2021 n° 146 la mancata formazione rappresenta uno dei motivi di sospensione delle attività.

Durata 28 ore

Erogazione Aula/E-Learning

Validità Permanente

190,00  + iva

Richiedi informazioni
Parla con un consulente QSM per ricevere le informazioni che desideri sul corso di formazione.